#7 – L’elogio degli invertiti

pubblicato da Giulia giovedì, agosto 25, 2005 15:19
Aggiunto alla categoria Interruzioni di sistema

A me dei “matrimoni gay” non frega un- francesismo mode “on” beato cazzo —francesismo mode “off”.
Neanche di Dolceegabbana me ne frega un – francesismo mode “on” –beato cazzo–francesismo mode “off”.

Figuriamoci del fatto se i due si siano, più o meno, lasciati/rimessi insieme/amici sì/amici no.

Non me ne frega niente dei matrimoni gay perché non m’interessano i matrimoni. Punto e basta.
Delle persone, invece, m’interessa tantissimo. Anche troppo.

E mi piacerebbe da morire se tutte le persone – TUTTE – riuscissero a godere degli stessi diritti indipendentemente dai buchi in cui amano infilarsi, che la sessualità la smetta di venire considerata come una barriera generatrice di differenze sociali e finalmente venisse presa per quello che è:
la manifestazione di un atto d’amore.
Un atto d’amore tout court. Anche quando con l’amore non ha nulla a che fare.

Un’altra cosa che mi piacerebbe tantissimo è la possibilità di aprire un giornale senza dovermi per forza imbattere nelle stronzate di un anziano ed ingobbito signore. Sparate di fronte ad una platea di giovani che di ingobbito hanno quantomeno il cervello.

Parlo di Andreotti Giulio e delle sua sparata al meeting di CL.

Parlo di: “Sono sbalordito, e pensare che questa storia del matrimonio gay faceva parte di un programma elettorale stilato nella prospettiva di perdere. Ma insomma, dobbiamo fare l’elogio degli invertiti? Ma se lo fossero tutti si estinguerebbe la razza umana!”.

Ha ragione Andreotti Giulio quando dice che non dobbiamo fare l’elogio degli invertiti. Sono anni che questo paese elogia quelli che non se lo meritano.
Non abbiamo tempo per “gli invertiti”, dobbiamo ancora continuare ad elogiare quelli con le mani in pasta, i collusi con la mafia e con le mani immischiate nei peggiori fatti che l’Italia ricordi.

Per quelli come loro, tempo ed elogi ce ne saranno per sempre.

Commenti e ping chiusi.

20 commenti to “#7 – L’elogio degli invertiti”

  1. Antar says:

    agosto 25th, 2005 at 3:32

    Che poi lui non sarà completamente invertito, ma una curva di un bel tot di gradi ce l’ha. e come…

  2. Giulia says:

    agosto 25th, 2005 at 3:35

    Il solito vegliardo omofobo convinto che l’omosessualità sia una malattia contagiosa.
    Vergogna a lui e vergogna a chi lo ha ascoltato senza correre dal verduraio a fare scorta di pomodori marci.

  3. klingsor says:

    agosto 25th, 2005 at 3:37

    anche dolce&gabbana, un paio di mesi a Cave del Predil in miniera, eh!

  4. Raffy says:

    agosto 25th, 2005 at 4:06

    Ci vogliono proprio i ciellini a dare retta al losco figuro. Che vergogna :-O

  5. pierone says:

    agosto 25th, 2005 at 7:50

    Ma magari fosse contagiosa! Secondo me si scoperebbe di più: voglio dire vedi uno che ti piace e ZAC lo fai diventare frocio, e poi provi a conquistarlo, almeno uno non perde tempo co sti etero fraciconi!!

  6. lifeo81 says:

    agosto 25th, 2005 at 8:43

    …ma che ci fa andreotti ancora vivo? …non aveva già ottanta’anni quando andavo i prima elementare… “elogio degli invertiti”? è possibile che ancora ci si esprima in questo modo per parlare di omosessualità… sono allibito…e mi vergogno sempre più di essere italiano…

  7. firma says:

    agosto 25th, 2005 at 11:43

    e secondo me c’era anche una bella staffilata a Scalfarotto, “l’outsider” che si candida alla primarie dell’Unione e per cui io sto raccogliendo le firme nella mia provincia; vergognoso, ancora una volta, che si attacchino alle scelte sessuali serenamente dichiarate x raccattare consensi cisposi…

  8. darkripper says:

    agosto 26th, 2005 at 1:30

    bè ma Andreotti é appunto un uomo di un altro tempo, uno che quando parla di omosessualità utilizza ancora il termine “invertito”! Non stupisce e non credo che dovrebbe indignare.
    Quello che indigna appunto e che non siano partiti i pomodori marci. Perfino in Forza Italia accettano i culi, checcazzo.

  9. Kekule says:

    agosto 26th, 2005 at 1:41

    Nel mio piccolo, consiglierei di in dignarsi con un certo distacco. Dietro “i grandi temi del meeting”, lo sappiamo, non c’è null’altro che il riconsolidamento del blocco voti di questo gigante massonico; ed Andreotti completa quello che, a statistiche concluse, la maggior parte dei ciellini vuole sentirsi dire: frocidimmerda (andreotti), verobenessere (tremonti), arabidelcazzo (pera).
    Dopo le primarie, avverrà più o meno lo stesso nella fazione concorrente, diversa solo per gli sponsor burattinai alle spalle.
    Il lupo ed il cane pastore si avviano alle elezioni timbrando il cartellino: ciao sam, ciao ralph.

  10. Jojoy says:

    agosto 26th, 2005 at 8:04

    Sottoscrivo quello che dice kekule, andreotti è un uomo del secolo scorso che si porta appresso tutta la merda di cinquant’anni di trame fra bombe e collusioni oscene, quello che mi preoccupa sono i rutelli e affini, pronti col costume da bagno a buttarsi a corpo morto nella porcilaia suddetta…

  11. paolo27 says:

    agosto 26th, 2005 at 8:53

    Andreotti sarà pure vecchio, ma quelli che si entusiasmano per le sue parole no. Ma poi ne ‘sto paese esiste qualcosa di laico (perchè tanto poi alla fine è lì che si va a parare). E sarà mai giunto il giorno in cui uno possa farsi -francesismo on- i cazzi -francesismo off- suoi senza che chiunque si senta in dovere di metter bocca?

    E comunque “indipendentemente dai buchi in cui amano infilarsi” è vera letteratura!!! 😉

  12. xlthlx says:

    agosto 26th, 2005 at 9:38

    oh, adoro i francesismi.
    e il mondo e’ bello perche’ e’ avariato…
    [mi riferisco al sor giulio, non alle persone gaie. voglio dire, uno dei periodi migliori della mia vita e’ stato quando ho lavorato per gay tv…]

  13. Lebowsky says:

    agosto 26th, 2005 at 11:41

    Ciao Giulia. Mi hai dato una certa soddisfazione oggi a leggerti. Ero così allibito dalle dichiarazioni di Pera e Andreotti, che non riuscivo nemmeno a postare lo sdegno e l’incazzatura che covavano in me. Ora mi sento meglio, grazie! ;-))

  14. Giulia says:

    agosto 26th, 2005 at 11:46

    Grazie, ma il post non è opera mia. Tutto lavoro delle sante ditine di St.Alker… che ovviamente è gradito ospite.

  15. enver says:

    agosto 26th, 2005 at 12:35

    ah se Andreotti avesse baciato Riina in bocca…

  16. wish says:

    agosto 26th, 2005 at 1:58

    Non capisco perché la parte economicamente debole di una coppia che vive da anni e anni una vita comune è tutelata solo se il sacro vincolo del matrimonio civile è stato celebrato. Prima di parlare di matrimonio gay bisognerebbe forse parlare di riconoscere diritti alle coppie di fatto.

  17. gomitolo says:

    agosto 26th, 2005 at 2:08

    Ottimo post (a quando uno su Colonia?).
    Enver: supersciapò

  18. oltranzista says:

    agosto 26th, 2005 at 11:16

    il problema è definire il concetto di invertito. io stesso, per un invertito, sono un invertito. anche tu, anche andreotti, anche dolce e gabbana.

  19. Dany says:

    agosto 27th, 2005 at 11:58

    Bel post!L’ Italia è proprio un paese strano! Ci si scandalizza per le abitudini sessuali altrui e non ci si scandalizza per la condotta dei politici-accuse di collusioni con mafia,falsi in bilancio e simili-Non è l’omosessualità che deve fare paura ma l’andare a meeting del genere .Brrrrr!

  20. riso says:

    ottobre 29th, 2005 at 2:20

    Che bello, l’elogio dell’ignoranza. Pensate di essere colti, ma siete solo delle capre infinocchiate da chi vi sta per prendere il di dietro (in tutti i sensi). Auguri… povero mondo.