Burn Ally burn

pubblicato da Giulia mercoledì, Agosto 25, 2004 21:58
Aggiunto alla categoria Target du jour
Commenti disabilitati su Burn Ally burn

Ally McBeal fa quasi sempre ridere. Il telefilm, non la sua protagonista, che si conferma come la pi irritante figura femminile mai collocata come centro emotivo di una serie.

Ally McBeal mi ispira una voglia tremenda di darle un calcio nel sedere. Non per la magrezza da dodicenne prepubescente, per gli occhi perennemente sgranati o il perma-broncio, anche se tutto questo aiuta. pi una questione di valori intrinseci al personaggio. La fissazione con l’anima gemella. La petulanza. L’inaffidabilit (non la puoi lasciare sola con tuo marito un nanosecondo che subito gli infila la lingua in bocca). La scemenza (dopo averti limonato il marito, cerca anche di giustificarsi, invece di andare a dar via il culo). L’ossessione per il matrimonio. La pruderie nei confronti di Rene ed Elaine (che lei chiaramente disprezza e simultaneamente invidia per il fatto di essere sessualmente disinvolte; mentre lei limona con il povero Greg per una serie infinita di episodi senza arrivare al dunque, e ha l’allure di un Chupa Chups).

Ally McBeal dovrebbe essere la everywoman di turno, e invece una bambina rompicoglioni, il tipo di amica che nessuno vuole avere, n gli uomini n le donne, una che insegue la felicit senza sapere esattamente in cosa consista (un uomo, si presume, giacch l’universo di Ally totalmente androcentrico), rigida come un manico di scopa, “io SONO naturalmente attraente!”, domani sempre meglio di oggi, oddio ho trent’anni, se non ho le rughe perch ho avuto il buonsenso di sorridere poco.

Antipatica, stridula e perennemente insoddisfatta. Perch seguire le sue vicende? Forse perch guardarla mentre si rovina sistematicamente la vita ci fornisce un pretesto per sentirci moralmente superiori a qualcuno, che per di pi un personaggio fittizio, per cui via i brutti sensi di colpa un po’ cattolici legati al trinciar giudizi gratuiti sugli altri (tanto questa non esiste, no?); e nel frattempo possiamo godere della rosa di personaggi strepitosi che David E. Kelley ha disposto intorno a questa povera scema.

E non mica poco, eh.

Commenti e ping chiusi.