Sbandieramenti

pubblicato da Giulia sabato, agosto 23, 2008 14:07
Aggiunto alla categoria Triste mondo malato

Normalmente sono d’accordo anche con le virgole di quello che scrive Paolo, con il quale condivido la visione privata della sessualità e dell’affettività (tanto più che i coming out a me non fanno né caldo né freddo: preferirei arrivare a un mondo in cui nessuno si senta in dovere di “dichiarare” le proprie preferenze sessuali o affettive). Solo in questo caso mi sento di fare eccezione. Se è vero, da un lato, che la sessualità di Domenico Riso era solo affar suo, il problema qui non è la sua sessualità, ma l’ipocrisia con cui questa sessualità è stata raccontata su tutti i giornali: con eufemismi (“amico più caro”), virgolette (“famiglia”) e altre espressioni che utilizzano quella sessualità da un lato per fare notizia e scandaletto (perché l’unico morto italiano sull’aereo era pure frocio, come dire, che botta di culo per i direttori dei giornali), e dall’altro per rimarcare l’anormalità della sua situazione, almeno secondo i parametri della pubblica morale italiana. Francesco Merlo, quindi, ha poco da gridare allo scandalo contro Grillini, quando la stampa per prima non ha perso occasione di marciare sulla sessualità di Domenico Riso; e se Repubblica può lavarsene le mani, avendo parlato del compagno di Riso come di “un amico”, minimizzando anche il ruolo di Riso nella vita del figlio che crescevano insieme, non altrettanto può dire il Corriere. Ma si sa, ognuno pensa al suo orticello.

Commenti e ping chiusi.

7 commenti to “Sbandieramenti”

  1. seralf says:

    agosto 23rd, 2008 at 2:23

    secondo me ben vengano le virgolette su famiglia (nel giro di qualche anno svaniranno anche solo per pigrizia di digitazione, e il termine invece sopravviverà), mentre mi colpisce assai questa smania di complicare le cose semplici andandosi ad inventare definizioni inclinate che lasciano sempre perplessi, anche solo brutalmente perchè non spiegano: da un punto di vista di chi racconta la notizia credo che sia molto più informativo dire le cose nude e crude come stanno no? (sia pure tra virgolette)

  2. Giulia says:

    agosto 23rd, 2008 at 3:43

    Le virgolette su “famiglia” sono un’emanazione vaticana. Per dire che la famiglia è quella eterosessuale, tutte le altre sono famiglia per modo di dire. Il che è terribilmente offensivo nei confronti delle famiglie che non sono mamma-papà-bimbo, che sono parecchie, anche in Italia. No, non sono d’accordo sul fatto che sia pigrizia di digitazione: è proprio intento comunicativo. Quella di Domenico Riso, secondo il Corriere, non era una famiglia.

  3. seralf says:

    agosto 23rd, 2008 at 7:48

    ah no, lo so lo so. Intendevo dire che per conto mio che le usassero pure ‘ste virgolette: intanto il termine viene usato e nel giro di qualche anno la pigrizia di virgolettare farà si che spariscano e dove non ha potuto magari il dibattito per i diritti civili potrà magari l’ortografia 🙂

    in ogni caso colpisce che perdano tanto tempo a chiedersi come dire delle cose che potrebbero dire nella maniera più immediata e buonanotte, boh

  4. L’erba cattiva at L a r v o t t o says:

    agosto 23rd, 2008 at 8:50

    […] un argomento così delicato, e preferisco rimandarvi a post molto più interessanti, come quello di Giulia, Anelli, Disorder (per citare alcuni tra quelli più in sintonia con il mio pensiero) e poi anche […]

  5. LaRadman says:

    agosto 24th, 2008 at 12:37

    le preferenze sessuali sono questioni private, i legami sociali un po’ meno… e quello di domenico riso e di pierrick charilas aveva decisamente l’aria di un legame sociale, nemmeno tanto facile da digerire dalla sua comunità siciliana (da cui, probabilmente non a caso, stava lontano migliaia di chilometri…). Per questo, per una volta, trovo meno ipocrita il mezzo passo del corriere, che almeno riconosce a quelle persone un legame, che l’atteggiamento da tre scimmiette di repubblica. che, per una volta ha perso un’occasione per sdoganare dei rapporti che sono conclamati, come tutti i rapporti di tipo famigliare. sono convinta anch’io, che se si comincia così, prima o poi spariranno le virgolette. e una disgrazia come questa può dare una accellerata alla cosa, e così non saranno poi morti invano…

  6. aelred says:

    agosto 24th, 2008 at 10:19

    Giulia, mi mancava la tua opinione.
    sono contento di averla trovata (e anche di essere d’accordo con te).

    puoi immaginare come mi abbia prima indignato e poi avvilito tutta questa vicenda…

  7. Giulia says:

    agosto 24th, 2008 at 11:40

    Io non avevo ancora smesso di essere avvilita per il “decise di ostentare la propria sessualità” del Corriere su Ellen DeGeneres, figurati…