Se tu fossi un Co co pro, saresti già a casa a calci in culo

pubblicato da Giulia martedì, novembre 2, 2010 13:50
Aggiunto alla categoria Target du jour

La cassa integrazione per le operaie Omsa. La crisi della Fiat. La paralisi del settore agricolo e zootecnico. La spazzatura di Napoli. I tagli alle università. La disoccupazione giovanile. Il precariato. La criminalità organizzata. L’analfabetismo di ritorno. La crisi economica. La violenza sulle donne. L’omofobia diffusa. L’impoverimento dei ceti medi. L’ignoranza. La corruzione. Invece di andare in giro a vantarti di quante te ne fai e a fare battute omofobe, vai a lavorare, buffone.

Commenti e ping chiusi.

7 commenti to “Se tu fossi un Co co pro, saresti già a casa a calci in culo”

  1. diamonds says:

    novembre 2nd, 2010 at 3:18

    ormai è roba da circo equestre.Il cerchio riuscirebbe a chiudersi solo se presentasse le dimmissioni il giorno di Halloween(ma non ci farei troppo conto)

    http://ftp.lesliedombi.com/FTP%20Root/WinMX%20(Selected%20Ones)/320%20kbps/Alice%20Cooper%20-%20Welcome%20to%20My%20Nightmare.mp3

  2. Menphis says:

    novembre 2nd, 2010 at 4:59

    Diamonds per tradizioni nostre è più facile a carnevale … sperando che non sia uno scherzo di carnevale … (non oso immaginare quello che succederebbe se le desse in stile arrivo ufo …!!!!!).

  3. gustavo says:

    novembre 2nd, 2010 at 5:39

    Il cavaliere vuole ancora “divertirci” con le sue fanfaronate, nel senso che gli riesce – per l’ennesima volta – di distrarci dai problemi sostanziali del nostro paese. Purtroppo, aggiungo, ci riesce ancora benissimo, perché mentre il suo governo smantella l’Italia, il giullare fa parlare di sé con battute di pessimo gusto. Bisogna interrompere questo programma, cambiare canale: spegnerlo.

  4. Marzio says:

    novembre 3rd, 2010 at 8:33

    Hai dimenticato di menzionare il razzismo sempre più imperante. A parte questo non capisco se le battute del signor B. siano studiate a tavolino, come ipotizza qualcuno, oppure no.
    Non che abbia molta importanza, in entrambi i casi questo signore dovrebbe andarsene a casa.
    Non a lavorare, a casa a fare quello che vuole, smettendo di fare ulteriori danni ad un Paese già disastrato.

  5. Giulia says:

    novembre 3rd, 2010 at 10:59

    Fa melina sollevando polveroni su dichiarazioni (cioè roba che può smentire), mentre nel frattempo succede un finimondo che non può smentire.

  6. Laura, sthlm says:

    novembre 3rd, 2010 at 11:26

    Del resto, la melina sta benissimo in bocca al porco.

  7. Giuliana says:

    novembre 6th, 2010 at 8:43

    Perché, a lavorare? In pensione, che ha l’età giusta per andarci. Fuori dalle balle. Che se segue il tuo consiglio e si mette a lavorare son cazzi nostri.