“Thank you for being so not Italian”

pubblicato da Giulia martedì, marzo 23, 2010 13:21
Aggiunto alla categoria Spot, Una che scrive

Antefatto: qualche settimana fa, in occasione di un dibattito pubblico sul futuro della lettura e della scrittura fra e-book e rete, ho incontrato Francesco Forlani di Nazione Indiana. Sullo sfondo, una giornata freddina a Trieste e una mattinata da trascorrere a spasso con Valerio Fiandra, ex direttore editoriale di Lint e primo nella lunga teoria di persone che si sono occupate di mettermi al mondo come autrice di narrativa. Si parlava di letteratura per ragazzi e giovani adulti, e dalla conversazione è nata l’idea di farmi scrivere qualcosa sul tema per Nazione Indiana.

Eccolo. Si parla anche, molto en passant, della prossima cosa che pubblicherò.

Inutile dire che mi sento un po’ come Peter Sellers in Hollywood Party. Romperò qualcosa, cadrò in piscina vestita, farò dei danni.

Commenti e ping chiusi.

Un commento to ““Thank you for being so not Italian””

  1. Elena says:

    marzo 24th, 2010 at 12:45

    ahaha, basta non esagerare (oppure se non si esagera non si viene considerati?)