Perché lei valeva

pubblicato da Giulia mercoledì, novembre 5, 2008 22:19
Aggiunto alla categoria Bric à brac

La sapete la storia dei vestiti di Sarah Palin, no. Quella che era venuta fuori per cui lei avrebbe speso 150.000 presidenti morti in tailleur e accessori. Beh, adesso che la campagna è finita e nessuno se la deve rivedere davanti, dalla gente dello staff di McCain arriva la notizia che i centocinquantamila bigliettoni erano un po’ di più di centocinquantamila; che la Palin ha fatto comprare abiti per decine di migliaia di cucuzze a membri dello staff, con le loro carte di credito personali; e che nella spesa erano inclusi anche gli abiti per il marito e la famiglia, acquistati in posti come Saks Fifth Avenue e Neiman Marcus. Tanto costa vestire Caribou Barbie.

Commenti e ping chiusi.

23 commenti to “Perché lei valeva”

  1. tb says:

    novembre 6th, 2008 at 7:55

    invece il tenero Obama non ha speso proprio nulla.
    questa si che è informazione. questa si che non è cialtroneria. è impossibile non essere provocatori quando ci si attacca a queste stronzate solo per criticare. ma lo sai quanto costa un campagna presidenziale? ma lo sai quanto non incidono per nulla 150.000 o 300.000 dollari spesi dalla canadese? Ma dove sono i post stesi per criticare i soldi spesi dalla Clinton per il parrucchiere ad esempio?
    comunque grazie, sei riuscita a farmi diventare simpatica pure la palin!

  2. punkwithgun says:

    novembre 6th, 2008 at 3:00

    Giulia, lo sai quanto non incidono per nulla gli sfregi alla cosa pubblica? 😉
    Il problema dell’italiano e’ proprio questo. All’estero il pubblico e’ SACRO. E’ una questione di principio. Quello che e’ per il bene di tutti e’ ANCHE per il mio bene. In italia il fondo pubblico e’ qualcosa con cui fare i propri comodi, se ti e’ concesso…

  3. tb says:

    novembre 6th, 2008 at 3:57

    seee ho capito và…

  4. Giulia says:

    novembre 6th, 2008 at 4:15

    tb, hai dati su quanto ha speso Obama in vestiti da Neiman Marcus per sé e la famiglia? Sei veramente pieno di risorse 😀 😀 😀

  5. tb says:

    novembre 7th, 2008 at 7:32

    no nessun dato, ma per come si vestono Obama e la moglie penso che abbiano arricchito qualche mercatino di vestiti usati. Massima spesa un migliaio di dollari.

  6. Giulia says:

    novembre 7th, 2008 at 8:23

    Uuuuuh, che BORSETTATA! Neanche quella pazza di Valentino sarebbe stata così perfida, tesora!

  7. Superqueen says:

    novembre 7th, 2008 at 10:48

    @tb: ma ora ci improvvisiamo anche esperti di moda?

  8. tb says:

    novembre 7th, 2008 at 12:04

    no no era tanto per ridere.
    io e la moda siamo come Peppino e Don Camillo: incompatibili.
    ^__^

  9. Giulia says:

    novembre 7th, 2008 at 3:42

    Ecco, e allora ogni tanto, come dire, trattieniti.

  10. tb says:

    novembre 7th, 2008 at 5:01

    Però mi sembra che la Palin vestisse meglio della moglie di Obama. O no??

  11. Giulia says:

    novembre 7th, 2008 at 6:12

    Pensavo fosse un’elezione presidenziale. Invece era una sfilata di moda.

  12. tb says:

    novembre 7th, 2008 at 8:43

    in effetti dal tuo post è sembrato questo

  13. Giulia says:

    novembre 8th, 2008 at 11:45

    Dal mio post, se uno magari cliccasse i link e sapesse l’inglese (troppa fatica, immagino), risulta che lo staff di McCain si è rivoltato contro Sarah Palin a fine campagna elettorale, e ha fatto sapere al mondo che ha speso non solo i soldi del partito, ma anche quelli della gente che per il partito lavorava. Il problema era quello, NON il taglio dei vestiti, del quale non frega niente a nessuno.

    Vabbè, bisognerebbe accendere il cervello per capirlo, mi rendo conto.

  14. Anellidifumo says:

    novembre 8th, 2008 at 8:13

    Obama veste Canali, come appare dalla foto in prima pagina del Globe and Mail di due giorni fa.

    Il punto è che se i vestiti te li compro coi soldi tuoi, nessuno ha niente da ridire. Se li fai comprare al partito, tutti possono dire la propria. Anche perché si suppone che gestirai i soldi dello Stato con la stessa leggerezza e ingordigia con cui hai gestito i soldi del tuo partito.

    La Palin aveva bisogno di vestiti per centinaia di migliaia di dollari? No. Poteva comprarsi un guardaroba nuovo che non fosse Valentino eccetera, e soprattutto, doveva comprarselo coi soldi suoi e poi, EVENTUALMENTE, chiedere un rimborso spese parziale dal partito, visto che il guardaroba le rimane (o se lo può rivendere).

  15. tb says:

    novembre 9th, 2008 at 12:42

    permalosetta??

  16. tb says:

    novembre 9th, 2008 at 12:44

    e per inciso a quei coglioni che hanno utilizzato il loro denaro gli sta bene.

  17. Giulia says:

    novembre 9th, 2008 at 9:43

    Non me la sono presa: ti ho fatto solo notare che sei tu a non aver capito, non io a non essermi spiegata. E dai, ancora con “i coglioni” e “gli sta bene”… ti prego. Non riesci proprio a considerare i contesti?

  18. Giulia says:

    novembre 9th, 2008 at 9:57

    Anellidifumo: il GOP ha già mandato gente a riprendersi i vestiti avanzati per metterli all’asta e dare il ricavato in beneficenza. Caribou Barbie dovrà ricominciare a vestirsi con i giacconi di pelo, temo.

  19. tb says:

    novembre 9th, 2008 at 12:17

    dai che qualche abito se lo trattiene vedrai.

  20. Anellidifumo says:

    novembre 10th, 2008 at 9:15

    Beh ma a forza di sparare agli animali, si sarà potuta fare qualche pelliccia intrecciando pelli, no? Le donerebbero un casino, assieme alla clava.

  21. Jay DB says:

    novembre 10th, 2008 at 4:49

    il mio personaggio preferito della serie Caribù Barbie è la figlia 13enne con la Louis Vuitton: che accessori!!! (o era quella di 7 anni?)

  22. Giulia says:

    novembre 10th, 2008 at 5:02

    Era la piccola. Ma la borsa era finta. Il che è quasi peggio, se ci pensi 😀

  23. Jay DB says:

    novembre 11th, 2008 at 2:18

    Con tutti quei soldi spesi la borsa era pure finta?!?!? 😀